venerdì 12 luglio 2013

Duomo, la cappella con l’affresco della Crocifissione


Nella storia della chiesa fidentina, le confraternite meritano certamente un posto di rilievo perché sono tra le più antiche espressioni dell’associazionismo laicale e per il ruolo che   hanno assunto nel corso dei secoli  nella vita spirituale, artistica e culturale delle nostre comunità.
Vincenzo Plateretti, nelle sue ormai famose “Memorie per servire alla storia dello stato attuale di Borgo San Donnino”,  ne ricorda cinque  ancora esistenti in città agli inizi del secolo XIX: quella  del SS. Sacramento in Duomo, della B.V. della Misericordia detta dei Cinturati in S. Pietro,  della SS. ma Trinità presso  l’oratorio di S. Giorgio,  del Suffragio “detta del Cordone” nella Chiesa dei PP. Conventuali di san Francesco e  “finalmente quella della Morte, nella Chiesa o Oratorio di S.ta Maria della Rocca, o Madonna del Pilastro”.
Di altri pii  sodalizi  si ha notizia nei secoli precedenti, ma nel complesso si tratta di una realtà ancora poco chiara e poco studiata.  Pochissimo sappiamo, ad esempio,   della confraternita penitenziale  dei Battuti Bianchi o Disciplinati o Scoatti, che fino al 1778 ebbe come proprio oratorio la chiesa di Santa Maria Annunziata. Particolarmente impegnati  nella diffusione della devozione  mariana  e a promuovere  opere di carità verso i poveri infermi, gli orfani e i pellegrini, il loro ricordo di questi confratelli laici è legato  soprattutto alla caratteristica immagine  degli incappucciati raccolti sotto il manto protettivo della Vergine Maria, affrescata sopra l’altare maggiore, e alla stessa architettura della chiesa, con le sue  stratificazioni romaniche, gotiche, rinascimentali e settecentesche, nonché al contiguo bellissimo chiostro tardo quattrocentesco. 
Da citare  inoltre   le Confraternite  della Visitazione e del santo Rosario, presenti già nel secolo XVI   nella  parrocchiale di san Michele Arcangelo: ad esse si devono  la  tela seicentesca della Visitazione firmata dal fidentino Francesco Lucchi (1610 c), oggi presso la settecentesca Chiesa-Santuario della Gran Madre di Dio, e la coeva pala della Madonna del Rosario, commissionata al cremonese  Andrea Mainardi (1610),  andata distrutta nel corso dell’Ottocento ma di cui rimane un notevole frammento nell’Assunzione attribuita a Vincenzo Campi e attualmente esposta presso il Museo del Duomo.
Una delle  confraternite più antiche, forse la prima ad essere ufficialmente riconosciuta dalla chiesa fidentina, è di certo quella del “ Venerando Consorzio di San Donnino”, le cui  origini  vanno  probabilmente ricercate  nel lontano medioevo, prendendo come riferimento storico l’analoga confraternita  fondata  nel XIII secolo presso la Cattedrale di Parma, sotto il nome di  “Consorzio dei Vivi e dei Morti”. 
Nella chiesa di San Donnino i  Consorziali si occupavano primariamente delle esequie, della sepoltura e del suffragio dei confratelli e consorelle  iscritti,  ma la loro attività  si estendeva anche ad altre iniziative caritative, verso i poveri e in particolare le fanciulle bisognose di  dote,  e al decoro della chiesa con l’erezione di altari e cappelle,  realizzate grazie a donazioni e  lasciti testamentari,  come la cappella di san Francesco, pervenuta a noi ancora quasi intatta, con l’ancona in legno intagliato e dorato e la pala del Mainardi, la cappella di San Pietro in Vincoli (oggi di sant’Andrea Avellino) e quella dedicata alla Purificazione di M.V. (oggi del Carmine). 
Agli stessi Consorziali si deve anche  la costruzione nel 1597 del portale a mezzogiorno, pensato per favorire l’accesso al vecchio battistero situato presso la cappella della Ferrata: “…si sono convenuti di far fare a comune spesa uno portichetto sopra la via comune da mezzogiorno sì per ornamento sì anche per gli figlioli o creature che a detta chiesa si portano a batteggiare, et per le donne che vi vengono a levar di parto“ (Trecasali , 13 ottobre 1597)
Sappiamo inoltre che la  confraternita  disponeva in Cattedrale di una propria cappella per le pratiche religiose degli adepti: si tratta della   prima delle quattro laterali della navata di destra,   detta  “cappella dell’affresco con Crocefissione”, recentemente restaurata da  Beatrice Barbagallo. La sua originaria appartenenza al Consorzio, rammentata dall’ultimo dei sagrestani storici, il cav. Davino Parmigiani, è attestata anche  dalle fonti d’archivio, in particolare  dal diario inedito del canonico  Alfonso Trecasali (“altare venerandi Consortii presso la torre” ) e il verbale della visita pastorale effettuata nel 1627 da mons. Ranuccio Scotti : “…succesive visitavit altare santi Petri in Vincula, sucessive visitavit altare santi Francisci visitavit quoque altare venerandi consortii…” (Visita pastorale, 1627, cfr.: K.Yoshie, p.124).

L’individuazione della antica sede dei consorziali  rappresenta, a mio avviso, un dato  interessante non solo per  la storia e le vicende architettoniche del massimo tempio fidentino, ma  anche  per  meglio comprendere il significato delle pitture che arricchiscono  uno degli angoli meno conosciuti del nostro Duomo: l’ immagine molto realistica di Cristo morente  sulla croce affiancato da Maria e Giovanni, sembra infatti esprimere magnificamente la spiritualità di un sodalizio religioso  tutto proteso a testimoniare con le opere l’Amore misericordioso di Cristo.   
Stando alle guide, la cappella dei Consorziali sarebbe stata “aggiunta attorno alla metà del 500”, ma la  datazione è   troppo avanti rispetto alla Crocefissione e agli altri frammenti di affreschi, che fanno   pensare, come conferma Mariangela Giusto, ad   un ignoto pittore di formazione lombarda, forse  un cremonese, attivo tra la fine del Quattro e gli inizi del Cinquecento. 
Alla fine  del  Settecento risale invece la cornice in stucco  di gusto tardo barocco che racchiude il prezioso affresco tardo rinascimentale. A questo intervento, che ha comportato la distruzione di gran parte delle decorazioni originarie,  accenna  indirettamente  il  diario del pittore fidentino Angelo Dalverme (1748-1825), che in data 10 ottobre  1778,   annota di aver ricevuto la somma di L.215 dal rettore del Consorzio, Ferdinando Ansaldi, come compenso per una tela da collocarsi sulla cimasa dell’ancona: “Dal Sig.e  Rettore del Consorzio Ferdinando Ansaldi per un quadretto della B.a. V.e del consorzio posto in d.o Altare L.215” ( cfr.:A. Leandri, “Il pittore. Angelo Carlo Ambrogio Dalverme..”, p.45).  La  piccola tela mistilinea,  tuttora  in situ, ricalca lo schema tradizionale della Madonna della misericordia. Essa infatti  raffigura la Vergine  in piedi nell’atto di accogliere sotto   il suo manto i consorziali di San Donnino, ritratti  a destra le donne e a sinistra gli uomini: nel gruppo di  quest’ultimi, nel personaggio che guarda verso l’osservatore, è forse riconoscibile  l’autoritratto del pittore, come  lasciano supporre l'atteggiamento, l’età e il vestito nero dei chierici, un particolare quest’ultimo coerente col titolo di abate di cui fregiava l’artista fidentino, coetaneo, amico e collaboratore di Don Pietro Zani.
Allo stesso  Dalverme  sono attribuibili, a mio avviso,   anche il disegno della  cornice e i decori  con  ornati e volute, mentre per gli ornati architettonici e  i vasi di fiori, riemersi dopo il restauro  ai lati dell’altare, è possibile fare il nome del prospettico e ornatista piacentino   Antonio Maria Ferrari (1736-1802), suo stretto collaboratore.
Nel 1924, come ricorda lo storico fidentino don Guglielmo Laurini (“S.Donnino e la sua città”, 1924, p.58) la cappella dei Consorziali, essendo la  confraternita da tempo  soppressa o comunque non più attiva,  è  ridedicata a san Gislamerio e ancora una volta trasformata, con l’aggiunta  del pavimento in gres, della balaustra, dell’ altare in marmo bianco, tuttora esistenti, e di una nuova pala raffigurante il compatrono di Borgo. Quest’ultimo dipinto,  opera  del pittore parmense Umberto Concerti (1891-1979), verrà in seguito  rimosso e quindi  trasferito presso il Palazzo Vescovile, dove è tuttora  esposto. 
Per concludere, un’ultima annotazione, di carattere “archeologico”, relativamente all’esistenza di un vano sotterraneo scoperto nel corso degli scavi effettuati nel 1994 sotto il pavimento della cappella dalla Soprintendenza ai Beni architettonici: i risultati della ricerca  non sono stati ancora resi noti, come lamenta Kojima Yoshie, ma non è escluso  che si  tratti proprio dell’ossario dei benemeriti  quanto dimenticati Consorziali di San Donnino. 
Guglielmo Ponzi
Da "il Risveglio" 12 luglio 2013



Nessun commento: