lunedì 15 ottobre 2012

G. B. Tagliasacchi: nel 1734 il pittore ritrae la nobildonna Lavinia Ferrarini Dodi


Il settimanale diocesano "Il Risveglio" pubblica questo articolo dove Barbara Latimbri ha ricucito la storia di un dipinto che questo blog ha pubblicato tempo fa formulando alcune ipotesi, in assenza di dettagli più precisi, su questo dipinto del nostro concittadino G. B. Tagliasacchi.   Ora le ricerche di Barbara Latimbri inquadrano in modo esemplare il quadro nel contesto storico della prima metà del settecento. 

Nel 1734 il fidentino Giovanni B. Tagliasacchi ritrae Lavinia Ferrarini Dodi

Il 1734 fu un anno travagliato per i territori farnesiani: da tre anni, a causa dell’ennesima indigestione, era spirato l’ultimo duca Antonio il quale aveva lasciato suo erede il ventre pregnante della moglie Enrichetta d’Este che dopo sotterfugi e aspettative ammise di non attendere nulla. Così, nel tramestio del balletto politico, l’infante Carlo di Borbone fu spedito a Parma per prendere possesso del Ducato.

Il giovane regnante fu accolto dalla comunità piacentina con un poemetto celebrativo impreziosito da un’incisione allegorica di Antonio Fritz, su disegno del pittore Giovanni Battista Tagliasacchi . Ma arriviamo al 1734: Don Carlos si era appena ambientato quando le tresche della madre Elisabetta Farnese e del card. Alberoni, gli assicurarono l’ambita corona napoletana: così Carlo partì, con moglie e mobilio, alla volta della corte partenopea, sostituito dalla reggente Dorotea di Neoburg.
Nel 1734 Giovanni Battista Tagliasacchi era un pittore ormai famoso e richiesto dai committenti in virtù “della qualità del pennello”; era nel pieno del suo estro creativo e alle soddisfazioni lavorative si aggiunsero finamente le gioie del focolare grazie alla nascita di Maria Caterina .
Proprio in quell’anno l’artista dipinse il ritratto di Lavinia Ferrarini Dodi: ovale apparso sul mercato antiquario bresciano e portato all’attenzione degli studiosi da Guglielmo Ponzi. Di questo dipinto esiste un’altra versione segnalata dallo stesso proprietario. La paternità e datazione della tela bresciana sono certe in quanto attestate dalla scritta sul retro: “ Ritratto della signora Lavinia Ferrarini Dodi in età di 25 anni, fatto dal signore Gio. Battista Tagliasacchi l’anno 1734”.
Ritengo di poter identificare il soggetto con Lavinia Ferrarini, moglie di Odoardo Dodi: esponente della nuova nobiltà piacentina. Sembra che la famiglia Dodi fosse originaria di Borgo s. Donnino (sicuramente non oriunda del Piacentino) e che possedesse beni anche nei dintorni di Fontana Freddam. Agli inizi del XVII secolo si trasferì a Piacenza, dove guadagnò un titolo nobiliare. Difatti i figli di Bartolomeo Dodi furono creati nobili il 12  maggio 1704 e iscritti nella classe Fontana. Uno di questi, il dottore in medicina Pier Antonio, sposò una certa Stefania Bergamini e da quest’unione nacque Odoardo .
Lavinia ed il marito risiedevano con i figli Paola, Giuseppe e Pietro nel palazzo familiare costruito nel centro cittadino presso l’antica parrocchia di S. Stefano, sito nell’odierna via Scalabrini al n. 33. Lavinia nacque nel 1709 e dai documenti dell’Archivio di S. Antonino risulta che morì nel 1767, quindi all’età di 58 anni. Il consorte dovette sopravviverle diverso tempo, poiché passò a miglior vita nel 1797 nei possedimenti di Fontana Fredda .
Un fatto curioso è che palazzo Dodi fu successivamente venduto a Enrico Antonio Giandemaria, il cui nonno era fratello di mons. Gerardo Zandemaria . Non mi dilungo nella descrizione del quadro, già ampiamente esaminato dal Ponzi. Ma è innegabile che lo status sociale è manifestato dall’abbigliamento che segue i sontuosi canoni del primo Settecento; la carnagione, delicatamente rosata, risalta sul fondo scuro grazie ad un sapiente gioco di vibranti velature. I toni bassi e brumosi, che ritornano nei ritratti tagliasacchiani, qui sono riscaldati dai rosa e dai blu dei panneggi, dai grigi cangianti dei fiocchi e dalle trasparenze dei pizzi: una tavolozza più discreta rispetto alla produzione sacra, ma sempre elegantissima e raffinata.


Ritratto di mons. Zandemaria
L’impianto sicuro, la posa a tre quarti e la gestualità formale sono vicini al ritratto di mons. Zandemaria eseguito nel 1731, ora nell’ex-seminario Vescovile di Piacenza (si noti anche la resa della mano sinistra in entrambe le opere).
L’espressione del volto rivela una profonda capacità d’indagine psicologica che ci fa conoscere un Tagliasacchi meditativo, capace non solo di cogliere in modo egregio i tratti di chi gli sta dinnanzi, ma attento a rappresentarne l’animo che si cela dietro l’eleganza degli ornamenti. Nella critica novecentesca il Tagliasacchi è stato apprezzato per la produzione religiosa (in realtà, come ci ricorda Angela Leandri, già lo Zani a fine Ottocento si riferiva a lui come un “pittore di storia tanto sacra che profana”) ma è ormai risaputo che era richiesto ed amato dalle famiglie patrizie anche quale raffinato ritrattista. Sono le sue opere a parlare: i ritratti dello Zandemaria, dell’abate Mauro Gragnani , di Enrichetta D’Este (l’unico ritratto femminile fino ad oggi noto) o dal numero di quelli elencati dall’ inventario dello studio del pittore al momento della morte. Delle sue opere la critica (si veda il catalogo della Gubitta) ha già ampiamente parlato: esse ci svelano un artista capace di cogliere i più intimi sentimenti umani sotto l’eleganza dell’apparenza.

Barbara Latimbri   (Pubblicato sul settimanale diocesano  il Risveglio del 12 ottobre 2012)

Per maggiori dettagli:


Altri post relativi a G. B. Tagliasacchi:

31 lug 2012 ... Si tratta infatti di un inedito autografo di Giovan BattistaTagliasacchi (Borgo San Donnino 1696-Castelbosco Piacentino 1737) come attestano ...
lucecolore.blogspot.com
13 ago 2012 ... La pubblicazione del ritratto della nobildonna Lavinia Ferrarini Dodi di G. B. Tagliasacchi ci ha permesso di venire a conoscenza dell'esistenza...
lucecolore.blogspot.com
13 ago 2012 ... Il dipinto raffigura S. Andrea Avellino vestito dei paramenti per la liturgia eucaristica, colpito da apoplessia davanti all'altare all'inizio della ...
lucecolore.blogspot.com
21 lug 2012 ... Questa splendida pala del Tagliasacchi, firmata e datata 9 ottobre 1737, appartiene a una collezione privata francese, ove è stata individuata e ...
lucecolore.blogspot.com.


.
29 set 2011 ... Giovan Battista Tagliasacchi a Salsominore. L'amorevole figura dell'Angelo Custode che conduce per mano un bambino, simbolo dell'anima a...
lucecolore.blogspot.com
29 apr 2012 ... Battista Tagliasacchi Fidentino". I tre dipinti appaiono attualmente pubblicati su Internet, come componenti del museo diocesano, disponibili ...
lucecolore.blogspot.com
17 gen 2012 ... All'interno della novecentesca chiesa del Corpus Domini di Piacenza, la Cena di Emmaus di Giovanni Battista Tagliasacchi (1696-1737) si...
lucecolore.blogspot.com

1 commento:

maurizio gherri ha detto...

stavo scorrendo pagine di vari pittori e mi sono imbattuto in qualcosa che mi ha colpito , il cognome tagliasacchi, e guardando le sue opere,misono reso conto di avere la fortuna di avere un suo dipinto,che ho sempre ammirato in modo incredibile. Si tratta della madonna con gesù bambino ,facile da dire vedendo il bambino già qui raffigurato .Un secondo punto che chi lo ha restaurato,ilcompianto Professor Orsi,conferma il suo nome sul retro della tela.Se la Prof. Nicoletta Franzini,che ho letto ora, essere una esperta del Tagliasacci ,volesseve vedere il quadro mi può contattare .Il mio indirizzo è maurizio.gherri@gmail.com Maurizio Gherri