venerdì 21 ottobre 2011

Devastata la sede Dell'Associazione Nazionale Reduci di Prigionia


BLACK BLOCK, INFILTRATI  TRA GLI “INDIGNATI”, HANNO ATTACCATO A ROMA SABATO 15 OTTOBRE 2011, IN VIA LABICANA 15A, LA SEDE DELLA NOSTRA ASSOCIAZIONE

Alcune bombe carta sono esplose nei locali dell’ANRP che, come è noto, custodisce tra l’altro la preziosa documentazione d’archivio degli ex IMI - Internati Militari Italiani, i 650.000 che dopo l’8 settembre 1943  subirono la deportazione e l’internamento nei lager nazisti. 

Le fiamme, propagatesi dalle bombe lanciate all’interno, attraverso i vetri fracassati delle finestre divelte,  cominciavano ad attaccare gli infissi e gli arredi, ma sono state subito soffocate grazie alla tempestività di due nostri giovani ricercatori,  Davide e Ferdinando, presenti nella sede per motivi di studio. Il loro coraggioso intervento ha  limitato per fortuna i danni che avrebbero potuto essere irreparabili.
Dopo aver bloccato il portone d’ingresso dell’Associazione su strada, a più riprese  assaltato dalla furia dei teppisti,  i due giovani, usciti da una porta di sicurezza hanno soccorso insieme ai responsabili della caserma gli inquilini dei piani superiori dell’edificio limitrofo, aiutandoli  ad evacuare dallo stabile completamente distrutto dall’incendio.
Sottolineiamo la nostra indignazione per la violenza del gesto e anche per la dissacrante ignoranza dimostrata da una scritta offensiva con cui i facinorosi hanno imbrattato la  targa dell’ANRP posta sul muro accanto al portone,  come documentato dalla foto.
Non c’è dubbio che si sia voluto colpire proprio il simbolo di quelli che hanno sofferto, pagando anche con la vita, per affermare i valori dell’identità, della libertà e della democrazia di cui tutti noi godiamo.
Enzo Orlanducci
Presidente esecutivo ANRP





Molti sono i messaggi di solidarietà pervenuti. Nell’impossibilità di estendere, in questi  frangenti, il nostro ringraziamento a tutti coloro che condividono i nostri ideali e si sono dimostrati sensibili di fronte al gesto vandalico e oltraggioso che ha colpito la sede dell’ANRP, lo facciamo sentitamente con queste poche righe.
L’ANRP, in particolare  desidera ringraziare
l’On. Antonio Rugghia, capogruppo  PD nella Commissione Difesa della Camera dei Deputati, per aver immediatamente espresso all’Associazione la propria solidarietà per la vile incursione. Solidarietà è stata personalmente espressa anche dall’ On. Francesco Maria Giro, Sottosegretario di Stato al Ministero per i beni e le attività culturali, che ci è venuto a trovare questa mattina nella sede dell’Associazione soffermandosi per una prima ricostruzione dell’accaduto ed una attenta valutazione dei danni subiti.
L’Associazione  aveva incontrato l’On. Giro il giorno 27 settembre 2011 a Roma-Eur, in occasione della Cerimonia di Commemorazione dei Caduti di Cefalonia e Corfù dove il Sottosegretario a nome del Governo aveva consegnato alcune Medaglie d’Onore a  Reduci dei lager nazisti.




Nessun commento: